PNRR – Chiese e campanili, via al restauro

Ok al decreto che assegna 240 milioni di euro per 257 luoghi di culto

PNRR

Disco verde dal Ministero della cultura al decreto che, in attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, assegna 240 milioni di euro al finanziamento degli interventi di adeguamento e messa in sicurezza sismica di 257 luoghi di culto, torri e campanili. Il decreto fa riferimento alla Componente M1C3 Turismo e Cultura 4.0 - Intervento 2.4 “Sicurezza sismica nei luoghi di culto, restauro del patrimonio culturale del Fondo Edifici di Culto e siti di ricovero per le opere d'arte (Recovery Art)”. L’obiettivo dell’intervento è ridurre la vulnerabilità sismica dei luoghi di culto ed evitare, oltre alle spese di ricostruzione delle chiese distrutte, la perdita di opere d'arte. Si prevede – come si legge su italiadomani.gov.it - di agire su tre linee:

  • mettere in sicurezza prevenendo i danni da terremoto i luoghi di culto;
  • restaurare il patrimonio Fondo Edifici di Culto (FEC);
  • realizzare depositi dove collocare le opere d’arte coinvolte negli eventi sismici.

Il tutto privilegiando le regioni del Centro Italia già colpite da eventi sismici importanti. L'investimento prevede anche la creazione del Centro Funzionale Nazionale per la Tutela dei Beni Culturali dai Rischi Umani e Naturali (CEFURISC), consentendo un uso più sinergico delle tecnologie e dei sistemi ambientali esistenti per il monitoraggio, la sorveglianza e la gestione dei siti culturali. La realizzazione degli interventi parte adesso, dopo l’allocazione delle risorse, e secondo il cronoprogramma del PNRR dovrà concludersi entro dicembre 2025.

Alcune opere interessate
In Campania, il Comune di Sant’Angelo dei Lombardi, di supporto all’Arcidiocesi, vede finanziato il progetto per il restauro e valorizzazione del complesso storico di alto pregio architettonico, artistico e ambientale della Cattedrale con un fondo assegnato pari 2.430.000 euro. Il soprintendente ai beni culturali di Agrigento, Michele Benfari, ha fatto sapere che nella provincia di Agrigento sono state ammesse a finanziamento 22 chiese, fra queste tre riguardano Sciacca (Santa Maria dello Spasimo, San Francesco di Paola che verrà restaurata dopo anni di chiusura a causa di un incendio per un importo di 1 milione di euro, Santa Maria delle Giummare o di Valverde per un importo di 293 mila euro). A Caserta da segnalare, tra gli altri, gli interventi sul campanile della Cattedrale di S. Michele Arcangelo (1.625.000,00 euro), sulla Chiesa e il campanile di S. Maria Assunta (1.145.000,00 €) e sulla Chiesa di S. Rufo (910.000,00 euro). A Messina assegnati 443.573,00 €, che serviranno per il restauro della chiesa di S. Maria di Mili (1091), importante testimonianza dell’architettura arabo-normanna in Sicilia e della cultura e spiritualità italogreche dell’isola.

La Posta del Sindaco


All. Elenco degli interventi ammessi al finanziamento

 




Scritto il 12/07/2022 , da La Posta del Sindaco

News

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale