PNRR – Parco Agrisolare, pronti 1,5 mld €

Domande dal 27 settembre per finanziare pannelli fotovoltaici

PNRR

Pubblicato sul portale del ministero delle Politiche agricole il Regolamento Operativo riguardo le modalità di presentazione delle domande di accesso alla realizzazione di impianti fotovoltaici da installare su edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale, a cui sono destinati 1,5 miliardi di euro nell’ambito della misura del Piano nazionale di ripresa e resilienza Parco Agrisolare.

Il riparto
Le risorse sono destinate alla realizzazione di interventi nel settore della produzione agricola primaria per una quota pari a 1,2 miliardi di euro, mentre due quote di 150 milioni finanzieranno interventi nell’ambito della trasformazione di prodotti agricoli.

Soggetti beneficiari e attuatore
Soggetti beneficiari sono le imprese del settore agricolo e agroalimentare che realizzano gli interventi di installazione dei pannelli fotovoltaici, sostengono i relativi costi e hanno la disponibilità dell’immobile funzionale all’esercizio dell’impresa agricola interessato e che ricevono il contributo. Soggetto attuatore è il Gestore dei servizi energetici GSE S.p.A., cui è affidata la gestione della misura mediante atto che ne regola i rapporti con il Ministero.

Le domande
Le domande di accesso agli incentivi devono essere presentate mediante il portale messo a disposizione dal Gestore dei servizi energetici dal 27 settembre al 27 ottobre 2022 per agevolazioni concesse mediante una procedura a sportello fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Nel caso in cui le risorse disponibili non dovessero esaurirsi a seguito della procedura di sportello, il Ministero, per mezzo di decreto direttoriale, può prorogare la fase di invio delle proposte oltre il termine stabilito.

Riserve
Almeno il 40% del budget complessivo è destinato a progetti da realizzare nelle Regioni Molise, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia. Qualora tali risorse non dovessero essere impiegate, in tutto o in parte, le stesse saranno destinate a coprire il fabbisogno di progetti da realizzare nelle altre Regioni italiane, previa apposita comunicazione del Ministero al soggetto attuatore.

Limiti ambientali
Di rilievo e di grande interesse per le amministrazioni locali alcuni dei limiti che gli interventi dovranno rispettare per non arrecare danno all’ambiente. Non sono infatti in ogni caso ammissibili alle agevolazioni gli interventi che prevedano attività su strutture e manufatti correlati a:

  1. attività connesse ai combustibili fossili, compreso l'uso a valle;
  2. attività nell'ambito del sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS) che generano emissioni di gas a effetto serra previste non inferiori ai pertinenti parametri di riferimento;
  3. attività connesse alle discariche di rifiuti, agli inceneritori e agli impianti di trattamento meccanico biologico; 
  4. attività nel cui ambito lo smaltimento a lungo termine dei rifiuti potrebbe causare un danno all'ambiente.  

 

Allegati:

Avviso Impianti fotovoltaici M2C1 I2.2 “Parco Agrisolare”

All. A: Regolamento Operativo

All. B: Codici Ateco

All. C: Allegati del Trattato sul funzionamento dell’UE

All. D: Simulatore per l’analisi dello scenario controfattuale grandi imprese

La Posta del Sindaco




Scritto il 07/09/2022 , da La Posta del Sindaco

News

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale