Data di nascita errata

Risposta del Dott. Roberto Gimigliano

Quesiti

Si chiede parere sulla procedura che questo ufficio intende seguire nella seguente situazione anagrafica: la Sig.ra Bianchi Stella (uso un nome di fantasia), iscritta in questa anagrafe con provenienza da altro Comune, probabilmente, per mero errore materiale è stata registrata in anagrafe con data di nascita sbagliata rispetto a quanto indicato nell'atto di nascita e nella scheda individuale del precedente comune di iscrizione/nascita. In particolare dopo 50 anni la sig.ra si è accorta a seguito di una richiesta di estratto dell'atto di nascita che la sua data di nascita in anagrafe è sbagliata rispetto a quella registrata sull'atto di nascita: in particolare in anagrafe risulta nata il 20/xx/xxxx anziché il 22/xx/xxxx stesso anno stesso mese). Pertanto abbiamo invitato l'interessata a formulare richiesta di rettifica dei dati anagrafici con riferimento alla data di nascita alla quale l'interessata ha voluto allegare l'estratto dell'atto di nascita rilasciato dal Comune di nascita.

Questo Ufficio dovrà: 1 acquisire copia integrale dell'atto di nascita dell'interessata; 2. rilasciare nuova carta di identità all'interessata ; 3.la sua carta di identità è in corso di validità ma occorre sostituirla non appena si procede con la variazione del dato errato può essere emessa in esenzione o no? 4. l'atto di matrimonio qui iscritto riporta la data di nascita corretta quindi non occorre annotare nulla; 5 l'atto di nascita dei figli qui trascritto in parte 2 serie A riporta la data di nascita della madre errata pertanto occorre procedere ad annotazione su impulso del Comune detentore dell'atto trascritto in parte 1 serie A; 6. qual'è il tenore della Comunicazione da fare al Comune di iscrizione dell'atto di nascita dei figli per l'annotazione di correzione della data di nascita della madre? 7.Dopo la variazione della data di nascita partiranno tramite il software in uso tutte le comunicazioni per anpr che coinvolgeranno agenzia dell'entrate ed inps; 8. Si farà comunicazione all'ufficio elettorale e asl ufficio convenzioni. 9. per la patente ed eventuali veicoli intestati l'interessata dovrà muoversi in autonomia? Banca e posta? Quale altra comunicazione occorre fare e a chi?

Risposta

In effetti risulta alquanto strano che l’interessata si sia accorta dell’errore dopo 50 anni…tutte le volte che ha richiesto una nuova carta d’identità, un certificato di residenza etc. non si è mai accorta di nulla?

Si, l’ufficio dovrà acquisire la copia integrale dell’atto di nascita, su richiesta da parte dell’interessata rilasciare una nuova carta d’identità con i dati modificati. La carta a mio parere non deve essere esente dai diritti previsti in quanto non v’è un motivo che lo giustifichi (voglio essere eccessivo e si tratta solo di una boutade: se così fosse occorrerebbe quindi restituire anche le somme pagate in precedenza per i documenti erroneamente rilasciati?)

Concordo sulla correzione degli atti di nascita dei figli con apposita annotazione. Le comunicazioni agli altri comuni riporteranno esclusivamente le rettifiche effettuate senza alcuna necessità di ulteriori specificazioni in quanto non dovute e non necessarie.

Le modifiche intervenute sono immediatamente recepite da ANPR che le immette nella banca dati nazionale e, come per tutti gli altri dati, per la consultazione o il rilascio di certificazione.

Quello che l’interessata dovrà fare è occuparsi dei rapporti con banche, Posta e privati. La motorizzazione sicuramente richiederà una certificazione con la quale l’interessata dimostri che i dati modificati corrispondono proprio al soggetto (è una prassi abbastanza consolidata). Presentando un estratto dell’atto di nascita con annotazione della modifica della data il problema dovrebbe risolversi.

27 dicembre 202                Roberto Gimigliano

 

Per i clienti Halley: ricorrente QD n. 1962, sintomo n. 1993


Scritto il 29/12/2021 , da Gimigliano Roberto

Quesiti

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale