Concorsi pubblici su misura per dislessici, disgrafici e discalculici

Concorsi pubblici con prove ad hoc per chi soffre di dislessia, disgrafia e discalculia

Servizi Comunali Bilancio Dotazione organica

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 307 del 28 dicembre scorso è stato pubblicato il decreto della Funzione pubblica 9 novembre 2021 “Modalità di partecipazione ai concorsi pubblici per i soggetti con disturbi specifici dell'apprendimento” (inserito nell’ambito del pacchetto PNRR con un rinvio agli articoli 3, comma 4-bis del D.L. 80/2021 e 31, comma 1, lettera b del D.L. 152/2021).

Le modifiche riguardano le prove scritte dei concorsi pubblici indetti da Stato, Regioni, Province, Città metropolitane, Comuni e dai loro enti strumentali, che saranno confezionate a misura di tutti i soggetti con disturbi specifici di apprendimento (Dsa). O per meglio dire potranno essere sostituite con un colloquio orale o ridisegnate utilizzando strumenti compensativi per le difficoltà di lettura, di scrittura e di calcolo, o anche introducendo un prolungamento dei tempi stabiliti per lo svolgimento delle prove. Le amministrazioni prevedono dunque, nei bandi di concorso, adeguate misure e la mancata adozione di tali misure comporta la nullità dei bandi.

La domanda di partecipazione

Nella domanda di partecipazione il candidato con diagnosi di disturbi specifici di apprendimento dovrà fare esplicita richiesta della misura dispensativa, dello strumento compensativo e/o dei tempi aggiuntivi necessari in funzione della propria necessità, documentata con apposita dichiarazione resa dalla commissione medico-legale dell'Asl di riferimento o da equivalente struttura pubblica.

Strumenti compensativi

Gli strumenti compensativi ammessi sono, ad esempio:

  • programmi di video scrittura con correttore ortografico o il dettatore vocale, nei casi di disgrafia e disortografia;
  • programmi di lettura vocale, nei casi di dislessia;
  • la calcolatrice, nei casi di discalculia;
  • ogni altro ausilio tecnologico giudicato idoneo dalla commissione giudicatrice.

I tempi aggiuntivi concessi ai candidati non devono eccedee il cinquanta per cento del tempo assegnato per la prova.

ALL. Decreto concorsi DSA (G.U. n.307, 28.12.2021)


Scritto il 31/12/2021 , da La Posta del Sindaco

Approfondimenti

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale