Importo Tari per microimpresa familiare

Risposta al quesito del Dr. Luigi D’Aprano

Servizi Comunali TARI

Una cittadina ha avviato un'attività di produzione alimentare con vendita del prodotto finito presso la propria abitazione - Microimpresa familiare, identificata nella SCIA come "Attività di trasformazione e/o somministrazione di alimenti in stabilimenti (compresi gli impianti di macellazione), laboratori, centri di cottura".

Invitata a produrre la denuncia TARI, ha comunicato che di fatto il quantitativo di prodotto è poco più di quanto già produceva a livello familiare (siamo nell'ordine dei 10 scontrini all'anno per torte e biscotti).

Come devo classificare e tassare questa attività a fini TARI soprattutto in considerazione che trattasi di uso promiscuo dell’immobile?                                      

Indietro
Risposta

In caso di utilizzo promiscuo di un locale la tassazione deve seguire l’attività principale, in base alla quale viene determinata la tipologia e la quantità di rifiuti producibili. Nel caso in esame, l’attività prevalente è sicuramente quella domestica; si ritiene, pertanto corretto continuare ad applicare la tariffa prevista per le utenze domestiche.


Dr. Luigi D’Aprano        09/02/2023


Per i clienti Halley: Ricorrente QT n. 1468 , sintomo QT n. 1553


Scritto il 13/02/2023 , da D'Aprano Luigi

News

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale